Gadauno Spa


La Nostra Storia, sezione web dedicata a notizie antecedenti il 2015, data di pubblicazione del nuovo sito web gardauno.it.


 

Una nuova isola ecologica a Calvagese

Con l'inizio del 2001 una struttura adeguata sarà aperta in località Mocasina.

Calvagese - Con l'inizio del 2001 entrerà in funzione a Calvagese della Riviera una nuova isola ecologica ubicata in località Mocasina.

Quella in funzione attualmente verrà dismessa, perchè non più sufficiente per gli specifici bisogni, ed anche perchè il terreno che occupa non è di proprietà comunale.

Va detto che il Comune di Calvagese da tempo si sta impegnando anche per incrementare la raccolta differenziata dei rifiuti.

Tutto il servizio è affidato all'Azienda speciale Garda Uno.

Sul territorio comunale sono dislocati 150 cassonetti per la raccolta dei rifiuti urbani. Per la raccolta differenziata, invece, è in funzione il sistema 'porta a porta' che viene effettuato ogni lunedì mattina.

Il Comune distribuisce sacchetti, azzuri per il vetro e l'alliminio, gialli per la plastica. I sacchetti devono essere posti fuori dalle abitazioni in posizione facilmente accessibile.

Chi avesse problemi di spazio può depositare i sacchetti in prossimità dei cassonetti e chi ne rimanesse sprovvisto può rivolgersi all'Ufficio tecnico del Comune.

Il sindaco di Calvagese della Riviera, Pietro Bignotti, fa notare come "per una buona e produttiva riuscita della raccolta è necessario mettere nei sacchetti solo i rifiuti espressamente indicati. E' nostra intenzione potenziare anche il servizio di pulizia delle strade, nonchè aumentare le giornate di apertura dell'isola ecologica: sino ad ora, quella esistenze a Carzago in località 'Brede', rimane aperta il martedì e giovedì dalle 14.30 alle 16.30, ed il sabato dalle 9.30 alle 11.30. Serve per i rifiuti ingombranti".

L'Assessore all'Ecologia, Davide Turrina, fa notare nel 'Quaderno d'informazione', il periodico dell'Amministrazione comunale che viene distribuito a tutte le famiglie, come "ognuno di noi è chiamato ad assimersi la propria parte di responsabilità, il proprio ruolo, nella lotta per la salvaguardia dell'ambiente.

Creiamo una mentalità ecologica, cominciando subito ad imporci delle regole e dei criteri di comportamente. L'indifferenziata, in casi come questi, è il peggiore dei mali.

Se riusciremo insieme ad aumentare la raccolta differenziata - continuna l'Assessore Turrina - saremo i primi a beneficiare della riduzione di costi, e compiremo un importante primo passo verso la presa di coscienza del problema rifiuti".

Carlo Bresciani

Fonte: Giornale di Brescia

Data di pubblicazione: Venerdì 22 Dicembre 2000

Immagine di copertina: da news originale

 

Categorie news
Comuni correlati
caricamento...