Gardauno Spa

 


La Nostra Storia, sezione web dedicata a notizie antecedenti il 2015, data di pubblicazione del nuovo sito web gardauno.it.


 

Dal Garda il progetto idrogeno in casa
Energia e Ricarca - Lo studio propone la produzione del gar mediante celle solari innovative ad alto rendimento e facilmente installabili.

Sviluppare e sostenere un sistema innovativo per la produzione di energia "pulita". E diffondere la conoscenza sulle opportunità di applicazione e sulle ricerche in atto nel campo delle fonti rinnovabili e dell'idrogeno.

Un duplice obiettivo inluso nel progetto"Idrogeno dal sole". Studio per la produzione  ed utilizzo dell'idrogeno mediante celle solari innovative ad alto rendimento", promosso e ideato dall'Associazione  temporanea di scopo costituita da Garda Uno Spa - ente capofila -, Acb Servizi srl, Comune di Manerba del Garda, Associazione "Giovani Piamarta", Università Cattolica di Brescia e Apindustria di Brescia, con due partner delegati nel percorso progettuale, lo Studio associato Green Energy - responsabile, con la sede bresciana della Cattolica, del coordinamento della parte scientifica del progetto - e l'associazione no-profit "Progetto Socrate" che coordina le azioni divulgative e formative programmate dai promotori.

Il progetto, finanziato dalla Regione Lombardia nell'ambito del programma D4 del Fondo sociale europeo, si muove su due piani paralleli e complementari, scientifico e formativo-divulgativo, entrambi associati al tema dell'impiego dell'idrogeno prodotto da fonti rinnovabili per il soddisfacimento delle necessità energetiche. Un connubio progettuale per il quale la Regione Lombardia ha stanziato, nel complesso, 560mila euro.

"Il progetto - spiega l'ingegnere Diego Cattaneo, che ne è il coordinatore scientifico - è stato presentato alla Regione Lombardia nel novembre del 2003. Nel luglio 2004 abbiamo ricevuto la conferma che l'ente regionale l'avrebbe finanziato. La fase operativa del percorso progettuale è iniziata nell'ottobre 2004 e dovrebbe concludersi, ufficialmente, nel dicembre 2005. Tuttavia la sperimentazione proseguirà anche nel 2006".

Le sezione scientifica del progetto comprende ambiti specifici: la realizzazione di un impianto pilota per la produzione di energia elettrica mediante l'utilizzo dell'idrogeno e di fonti energetiche rinnovabili - in particolare dell'energia fotovoltaica generata dalla luce del sole; il monitoraggio del prototipo di minifiliera fotovoltaico-idrogeno-elettricità per appurare la corretta funzionalità dei componenti dell'impianto, le variazioni di funzionamento in base a parametri tecnici, la resa energetica, l'impatto ambientale e i costi di gestione, ponendoli a confronto con un processo di cogenerazione di energia a gas; la raccolta dei dati ottenuti al fine di redarre un manuale inerente una metodologia di valutazione di carattere ambientale, socio-economico e tecnologico applicata all'impiego dell'idrogeno derivato da fonti rinnovabili.

L'impianto pilota sarà applicato ad un'abitazione civile sperimentale di Brunate, in provincia di Como, ma ci auguriamo che presto un altro modello possa essere installato in riva al Garda.

Paola Gregorio

Fonte: Giornale di Brescia

Data di pubblicazione: Mercoledì 05 Ottobre 2005

 

caricamento...