Gadauno Spa


La Nostra Storia, sezione web dedicata a notizie antecedenti il 2015, data di pubblicazione del nuovo sito web gardauno.it.


 

L'acquedotto accende la lampadina

Tre progetti di Garda Uno mirano a sfruttare i piccoli salti dell'acqua nel percorso dalle fonti ai rubinetti delle case - La microcentrale di Tignale è in fases di collaudo, le altre a Gardone e Magasa.

Lago di Garda - "Micro" è bello. Specie se consente di sfruttare piccolissime fonti di energia rinnovabile evitandone la dispersione.

E' il caso dei piccoli "salti" compiuti dall'acqua degli acquedotti comunali nel percorso dalle fonti ai rubinetti delle abitazioni.

L'idea di catturare e usare questa energia è venuta all'azienda Garda Uno spa, municipalizzata dei Comuni della riviera bresciana del lago con sede a Padenghe.

Dall'intuizione si è passati ai calcoli, allo studio della situazione delle zone dove si poteva ipotizzare l'installazione di micro impianti di produzione di energia elettrica, dei costi e dei benefici, per arrivare all'intesa con i Comuni interessati.

Così è nato sul più grande lago italiano il programma di "microgenerazione" che si accinge a festeggiare l'inaugurazione della prima mini centrale idroelettrica realizzata a Tignale.

Ne seguiranno altre due a Gardone Riviera e Magasa con una produzione di energia prevista di poco superiore ad 800.000 kilowatt l'anno.

A rendere infine economicamente convenienti gli investimenti sono i contributi messi a disposizione attraverso la consegna di "certificati verdi" che hanno notevole valore.

"I vantaggi dell'iniziativa - spiega il geometra Massimiliano Faini di Garda Uno - sono presto sintetizzati. Queste centrali sfruttano risorse idriche minori, hanno bisogno di una limitata risorsa idrica, producono energia vicino agli utenti e gli impianti sono poco ingombranti".

Ma vediamo in dettaglio i tre interventi. A Tignale la piccola centrale idroelettrica è già stata realizzata con l'investimento di 420.000 euro ed è in fase di collaudo. Sfrutta l'acqua di sfioro del serbatoio comunale in località "Fontanelle". In sostanza l'acqua di sfioramento, cioè quella in esubero rispetto al consumo, viene convogliata attraverso una condotta forzata in una turbina idraulica installata 140 metri più a valle. Insomma, meno acqua bevono i cittadini, più energia si ottiene. La produzione annua, ricavata da fonte rinnovabile, è di 3000.000 kilowatt.

A Gardone Riviera invece accade esattamente il contrario. L'acquedotto qui viene alimentato soprattutto dalle sorgenti Verghere e dal pozzo Gere che caricano il serbatotio di San Michele, situato a cira 140 metri di altezza sul livello del mare. L'acqua viene distribuita a caduta. Il progetto, in avanzata fase di realizzazione, prevede di sfruttare l'energia dell'acqua sempre ricorrendo ad una microturbina posizionata sulla condotta principale, subito a monte del costruendo nuovo serbatorio in località Monte Cucco, posizionato 200 metri più in basso rispetto alle fonti. In questo caso più alti saranno i consumi d'acqua maggiore risulterà la produzione di energia elettrica, stimata in 250.000 kilowatt l'anno.

infine un terzo micro impianto verrà realizzato a Magasa. Anche in questo caso si catturerà l'energia prodotta dall'acqua potabile, che dalle sorgenti in località Tombea a quota 1.720 metri scende più in basso in località Corder e poi al serbaotio a 1.190 metri. Il progetto prevede la ristrutturazione della rete di adduzione primaria e l'installazione dell'impianto capace di produrre annualmente 300.00 kilowatt.

Nei progetti di Garda Uno spa rientra poi la costruzione di altre due micro centralia idroelettriche.

Fonte: Giornale di Brescia

Data di pubblicazione: Venerdì 23 Novembre 2007

Fotografia di copertina: Un impianto del tipo di quello installato a Tignale

 

ProntoWeb - Il sistema aziendale 24 ore su 24

Per soddisfare le richieste degli Utenti, Garda Uno mette a loro disposizione una serie di strumenti informatici che consentono una reale comunicazione col Gestore del Servizio.

Il portale “PRONTOWEBmette in grado gli Utenti di interagire col sistema informativo aziendale attraverso Internet, canale oggi sempre più diffuso e familiare.

Collegandosi con un semplice browser è possibile accedere in tempo reale alle informazioni tipiche di uno sportello e compiere le operazioni direttamente da casa. L’utente potrà così interagire con il sistema aziendale 24 ore su 24 e potrà facilmente accedere alle informazioni, qualunque sia il tipo di computer o il paese di origine della chiamata.

Il portale PRONTOWEB contribuisce pertanto al miglioramento delle prestazioni erogate dall’Azienda oltre ad ottimizzare i flussi di comunicazione con l’Utenza.

Clicca qui per maggiori informazioni

 


 

Comunicare con Garda Uno è ora ancora più semplice

Il nuovo servizio 'live on line' mette in contatto l'utente con un nostro operatore direttamente dalla Home Page del sito web gardauno.it.

Cliccando su "Supporto live on line", in basso a destra su computer, tablet e smartphone, si accede alla 'Chat' in tre semplici passi: Inserisci il tuo nome - Scrivi un messaggio - Avvia Chat.

 

La risposta alle vostre domande da parte di un operatore di Garda Uno sarà immediata.

Inoltre, attivato in Home Page anche il servizio FAQ (Frequently Asked Questions) che permette di trovare risposte a domande ricorrenti quali:

  • Come e dove posso pagare la bolletta del Servizio Idrico o GPL?
  • C'è un sistema on line da dove posso avere informazioni in autonomia sul mio contratto?
  • Come si legge un Contatore dell'Acqua?
  • Quali tariffe del Servizio Idrico sono applicate da Garda Uno?

Comunicare con Garda Uno è ora ancora più semplice.

 

Altro in "La nostra storia""
Categorie news
Comuni correlati
caricamento...