Gardauno Spa

Seleziona un altro comune

Raccolta differenziata

La raccolta dei rifiuti urbani nel Comune di Toscolano Maderno si effettua con il sistema Porta a porta integrale. L'ecocalendario fornisce tutte le indicazioni necessarie.

La raccolta differenziata è obbligatoria per tutti gli utenti e prevede il ritiro domiciliare per: carta, vetro/lattine, imballaggi in plastica, organico, secco residuo.

Il Centro di Raccolta comunale riceve tutti i rifiuti urbani, anche ingombranti, correttamente divisi.

Sul territorio sono presenti punti di raccolta per frazioni particolari: consulta la mappa.

Altri servizi a richiesta:

Ritiro domiciliare vegetale: servizio da marzo a ottobre ad iscrizione presso il Comune.

Ritiro domiciliare rifiuti ingombranti: servizio prenotabile al n. 0365 546036 dalle 9 alle 12.

Ritiro domiciliare pannolini: servizio ad iscrizione presso il Comune.

Per maggiori informazioni consultare l’Ecocalendario, gli orari del Centro di Raccolta o contattare direttamente il comune

 

Calendario della settimana

Calendario della raccolta differenziata
  • venerdì 23/10/2020
    • U
    • VL
  • lunedì 26/10/2020
    • S
    • U
  • martedì 27/10/2020
    • C
    • V
  • mercoledì 28/10/2020
    • P
  • venerdì 30/10/2020
    • U
    • VL
Legenda raccolta rifiuti
Spazzamenti

Nel file qui sotto potete trovare le indicazioni dei percorsi e delle frequenze degli spazzamenti nelle vie comunali.

SPAZZAMENTI TOSCOLANO MADERNO 2020

ABC dei rifiuti di Toscolano

Legenda ABC dei rifiuti
* I rifiuti indicati con l'asterisco sono pericolosi; si ritirano solo dalle utenze domestiche

Orari dei centri di raccolta

Toscolano - via G. Marconi (Aprile - Settembre)

ingresso consentito fino a 5 minuti prima della chiusura

GIORNO MATTINA POMERIGGIO
Lunedì   14:30 - 18:30
Martedì    14:30 - 18:30
Mercoledì    14:30 - 18:30
Giovedì   14:30 - 18:30
Venerdì    14:30 - 18:30
Sabato 10:00 - 12:30 14:30 - 18:30
Domenica 10:00 - 12:30 14:30 - 18:30

 APERTURE FESTIVE 2020:

6 gennaio APERTO POMERIGGIO
13 aprile APERTO POMERIGGIO
25 aprile APERTO 
1 maggio APERTO POMERIGGIO
2 giugno APERTO POMERIGGIO
15 agosto APERTO 
26 dicembre APERTO 
Toscolano - via G. Marconi (Ottobre - Marzo)

ingresso consentito fino a 5 minuti prima della chiusura

GIORNO MATTINA POMERIGGIO
Lunedì  

13:30 - 17:30

Martedì   13:30 - 17:30
Mercoledì   13:30 - 17:30
Giovedì   13:30 - 17:30
Venerdì    13:30 - 17:30
Sabato 10:30 - 12:30 13:30 - 17:30
Domenica   13:30 - 17:30
 

Istruzioni per l'uso del centro di raccolta

Il CENTRO DI RACCOLTA è un’area che ottimizza la raccolta differenziata:, presidiata ed allestita ove si raccolgono rifiuti urbani e assimilati consegnati dalle utenze domestiche e non domestiche, con lo scopo di recuperare tutti i materiali riciclabili e smaltire in sicurezza i rifiuti non recuperabili. Non è una discarica nella quale i rifiuti entrano per non uscire mai più.

Ogni tipo di rifiuto accettabile ha un contenitore specifico per la raccolta. Il Centro di Raccolta è allestito nel rispetto di tutte le norme vigenti in materia di tutela della salute dell’uomo e dell’ambiente, nonché di sicurezza sul lavoro.

CHI PUÒ ENTRARE

  • Utenze domestiche in regola con il pagamento della Tassa/Tariffa Rifiuti
  • Utenze non domestiche (enti e imprese) in regola con il pagamento della Tassa/Tariffa Rifiuti
  • Convenzionati (imprese sprovviste di aree a ruolo produttrici di rifiuti assimilati sul territorio comunale, se stipulano apposita convenzione con il Comune o con Garda Uno).

COME COMPORTARSI ALL'INTERNO

All'interno del Centro procedere a velocità moderata, rispettando la segnaletica e le indicazioni del personale.

Dopo la verifica dell’operatore, proseguire seguendo il percorso indicato fino alle aree di scarico.

Conferire i rifiuti suddividendoli per tipologia. Nel caso di dubbi, chiedere al personale addetto. 

 COMPITI DEL PERSONALE

Il personale del Centro di Raccolta è tenuto a:

  • Consentire l’accesso, negli orari di apertura stabiliti, solo a coloro che hanno titolo a conferire i rifiuti;
  • Verificare i rifiuti conferiti dagli utenti indirizzandoli agli appositi contenitori/aree;
  • Aiutare i cittadini nello scarico, quando ve ne sia la necessità (rifiuti ingombranti, cittadini anziani …)
  • Segnalare eventuali elementi critici (infrazioni, comportamenti degli utenti non conformi al regolamento)
  • Mantenere il centro sgombro e pulito.

 DIVIETI

E vietato:

  • Conferire rifiuti per conto di terzi. Sono ammessi solo rifiuti conferiti in conto proprio utilizzando il proprio mezzo o un mezzo a noleggio;
  • Scaricare rifiuti fuori dagli appositi contenitori/aree nonché fuori dalla recinzione;
  • Introdursi nel Centro di Raccolta negli orari di chiusura;
  • Conferire materiali che si disperdano sul suolo, maleodoranti o liquidi sprovvisti di adeguati contenitori chiusi;
  • Conferire rifiuti speciali non assimilati provenienti da lavorazioni industriali ed artigianali;
  • Asportare materiali di qualsiasi tipo precedentemente conferiti o effettuare cernite di materiali;
  • Entrare nei container con esclusiva carica dall’alto;
  • Nascondere all’interno di altri materiali rifiuti e materiali non ammessi

 

I RIFIUTI DELLE IMPRESE (NON DOMESTICI)

I rifiuti provenienti da attività industriali, artigianali, commerciali e di servizio, sono definiti “speciali” e possono essere consegnati al Centro di Raccolta solo se:

  1. sono indicati nell'elenco dei rifiuti assimilati dal Regolamento comunale.
  2. il quantitativo conferito non sia tale da pregiudicare il conferimento agli altri utenti.
  3. non siano contaminati da sostanze pericolose (anche potenzialmente).

Prima del trasporto dei rifiuti deve essere compilata l’apposita scheda rifiuti conferiti al Centro di Raccolta (clicca qui) che sarà utilizzata per la registrazione dei conferimenti.

 I Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche (RAEE) sono accettati solo se analoghi per natura e per quantità a quelli originati dai nuclei domestici.

I distributori, installatori e riparatori di Apparecchiature Elettriche possono conferire RAEE purché accompagnati dalla documentazione di trasporto prevista dal DM 65/2010.

Le attività produttrici di rifiuti assimilati nel territorio comunale, non iscritte nei ruoli comunali Tariffa Rifiuti, (es.: GIARDINIERI, AGRICOLTORI, IMPRESE EDILI, ecc.), possono conferire i propri rifiuti assimilati solo dopo la stipula di apposita convenzione con il Comune o Garda Uno, ai costi previsti nella stessa.

 

 TIPOLOGIE DI RIFIUTI NON AMMESSE

  • Pneumatici
  • Materiale contaminato da amianto
  • Onduline catramate
  • Traversine ferroviarie
  • RAEE professionali
  • Fuliggine, polveri di lavorazione
  • Terra
  • Materiale da demolizione e costruzione (da aziende e grandi quantità da utenze domestiche)
  • Pannelli in lana di vetro e/o roccia o isolanti (da aziende e grandi quantità da utenze domestiche)
  • Pannelli in cartongesso (da aziende o grandi quantità da utenze domestiche

Chi detiene questi rifiuti è tenuto a smaltirli consegnandoli a propria cura e spese ad aziende autorizzate alla gestione di tali rifiuti.

RIFERIMENTI E INDIRIZZI DEL COMUNE E DEL GESTORE DEL SERVIZIO

In questa sezione sono disponibili tutte le informazioni relative al Gestore dei Rapporti con l'Utenza (Comune di Toscolano Maderno) e al Gestore del Servizio sul Territorio (Garda Uno SpA).

Per ogni aspetto che riguarda l'Utenza in termini di Tributo TARI (Attivazione, Disattivazione, Calcolo del Tributo e relativi addebito, aggiornamento dati anagrafici, pagamenti e solleciti, riscossione coattiva e ingiunzioni, assimilazione dei Rifiuti agli Urbani), la competenza è esclusivamente dell'Ente Locale: Comune di Toscolano Maderno i cui riferimenti sono qui sotto riportati.

Per ogni aspetto che riguarda il Servizio in termini operativi (raccolta dei rifiuti differenziati e del Secco Residuo sul territorio, accesso ai Centri di Raccolta, modalità di conferimento dei Rifiuti, problemi di mancata raccolta, evidenza di errato conferimento), la competenza è esclusivamente del Gestore Garda Uno SpA i cui riferimenti sono qui sotto riportati.   

Gestore della Tariffa e dei Rapporti con l'Utenza

Comune di Toscolano Maderno

Sede: Via Trento 5, 25088 Toscolano Maderno (BS) - Ufficio TARI - secondo piano

Svolge il Servizio di Gestione della Tariffa e del Rapporto con l'Utenza.

Per ogni necessità che riguarda il Tributo TARI, la modalità di addebito e di calcolo, per i pagamenti e le posizioni sospese è disponibile lo Sportello dell'Ufficio Tributi presso la Sede del Comune al piano terra. Possono essere inviate segnalazione di errori nella determinazione di quanto addebitato e di errori / variazioni nei dati relativi all’Utenza rilevanti ai fini della commisurazione dell’addebito stesso.

 

Orari
Lunedì (previo appuntamento)
09.00 - 12.30
chiuso

Martedì (previo appuntamento)
09.00 - 12.30
Chiuso

Mercoledì (previo appuntamento)
09.00 - 12.30
Chiuso

Giovedì (previo appuntamento)
09.00 - 12.30
Chiuso

Venerdì (previo appuntamento)
09.00 - 12.30
Chiuso

Gestore del Servizio di Spazzamento

Sede: Via Italo Barbieri 20 - 25080 Padenghe sul Garda (BS)

Svolge il Servizio operativo di Gestione dello Spazzamento meccanico e manuale delle Strade

Per ogni necessità che riguarda il Servizio è possibile utilizzare il sistema di supporto all'Utenza cliccando sulla scritta "Apri un ticket". Avrete risposta nel più breve tempo possibile compatibilmente con il problema riscontrato: vi sono situazioni che non consentono una celere risposta in quanto devono essere verificate le condizioni con le quali è emerso il problema. 

Si raccomanda, all'apertura del ticket, di non utilizzare una email PEC, salvo che non si sia certi che la PEC possa ricevere anche da caselle postali elettroniche non certificate. Nel caso sia necessario utilizzare comunque una PEC, vi invitiamo a scrivere direttamente al nostro recapito PEC sotto indicato. 

Orari
Lunedì - contatto solo telefonico
08.30 - 12.30
chiuso

Martedì - contatto solo telefonico
08.30 - 12.30
Chiuso

MERCOLEDÌ - CONTATTO SOLO TELEFONICO
08.30 - 12.30
Chiuso

GIOVEDÌ - CONTATTO SOLO TELEFONICO
08.30 - 12.30
Chiuso

Venerdì - CONTATTO SOLO TELEFONICO
08.30 - 12.30
Chiuso

Apri un ticket
Gestore del Servizio di Raccolta e Trasporto dei Rifiuti

Garda Uno SpA

Sede: Via Italo Barbieri 20 - 25080 Padenghe sul Garda (BS)

Svolge il Servizio operativo di Gestione della Raccolta e del Trasporto dei Rifiuti Urbani ed Assimilati

Per ogni necessità che riguarda il Servizio è possibile utilizzare il sistema di supporto all'Utenza cliccando sulla scritta "Apri un ticket". Avrete risposta nel più breve tempo possibile compatibilmente con il problema riscontrato: vi sono situazioni che non consentono una celere risposta in quanto devono essere verificate le condizioni con le quali è emerso il problema. 

Si raccomanda, all'apertura del ticket, di non utilizzare una email PEC, salvo che non si sia certi che la PEC possa ricevere anche da caselle postali elettroniche non certificate. Nel caso sia necessario utilizzare comunque una PEC, vi invitiamo a scrivere direttamente al nostro recapito PEC sotto indicato. 

Orari
LUNEDÌ - CONTATTO SOLO TELEFONICO
08.30 - 12.30
chiuso

martedì - CONTATTO SOLO TELEFONICO
08.30 - 12.30
Chiuso

MERCOLEDì- CONTATTO SOLO TELEFONICO
08.30 - 12.30
Chiuso

giovedì - CONTATTO SOLO TELEFONICO
08.30 - 12.30
Chiuso

venerdì - CONTATTO SOLO TELEFONICO
08.30 - 12.30
Chiuso

Apri un ticket

Avvisi Comune

MODALITA’ DI PAGAMENTO e SCADENZE

Modalità di pagamento ammesse con esplicita evidenza di eventuali modalità di pagamento gratuite

  • Modello F24 semplificato (modalità Gratuita)
  • pagoPA (costi dipendenti dal Provider di Pagamento scelto dall'Utente al momento del pagamento) 

Scadenze Pagamenti

Con delibera della Consiglio Comunale N. 10 del 12/5/2020 è stato stabilito che: ”La Giunta comunale può stabilire di anno in anno scadenze diverse per motivate esigenze di carattere straordinario e urgente, mantenendo comunque il numero minimo di due rate”. 

Pertanto non sono state ancora stabilite le rate per il pagamento della TARI 2020.  

Con successiva Delibera di Giunta comunale verranno stabilite le date di scadenza delle rate di pagamento TARI causa emergenza Covid-19.

 

INFORMAZIONI E PROCEDURE PER RITARDATO O OMESSO PAGAMENTO
Informazioni rilevanti per il caso di ritardato od omesso pagamento, ivi inclusa l’indicazione, per quanto applicabile, del tasso di interesse di mora e/o di penalità e/o sanzioni, nonché tutte le indicazioni utili affinché l’utente sia messo in condizione di procedere tempestivamente al pagamento dell’importo dovuto

A riguardo si fa riferimento all'art. 26 e 27 del Regolamento TARI vigente.

Articolo 26

ACCERTAMENTO PER OMESSO VERSAMENTO

1. Al contribuente che non versi alle prescritte scadenze le somme dovute è notificato, anche a mezzo raccomandata A.R. e a pena di decadenza entro il 31 dicembre del quinto anno successivo all'anno per il quale il tributo è dovuto, avviso di accertamento per omesso o insufficiente pagamento. 

2. L’avviso indica le somme da versare in unica rata entro sessanta giorni dalla ricezione, con addebito delle spese di notifica e della sanzione per omesso pagamento, oltre agli interessi di mora, e contiene l’avviso che, in caso di inadempimento, si procederà alla riscossione coattiva con aggravio delle spese di riscossione.

3. Si applicano i commi 3, 4 e 5 dell’articolo 24.

Articolo 27
SANZIONI 
1. In caso di omesso o insufficiente versamento risultante dalla dichiarazione, si applica la sanzione del trenta per cento di ogni importo non versato. Per i versamenti effettuati con un ritardo non superiore a novanta giorni, la sanzione è ridotta alla metà. Salva l'applicazione della disciplina del ravvedimento operoso di cui all’art. 13 d.lgs. 18 dicembre 1997, n. 472, per i versamenti effettuati con un ritardo non superiore a quindici giorni, la sanzione di cui al secondo periodo è dell’1% per ciascun giorno di ritardo. . La sanzione non è invece applicata quando i versamenti sono stati tempestivamente eseguiti ad ufficio o concessionario diverso da quello competente.
2. In caso di omessa presentazione della dichiarazione, anche relativamente a uno o alcuni degli immobili posseduti o detenuti, si applica la sanzione dal 100 per cento al 200 per cento del tributo non versato, con un minimo di 50 euro. 
3. In caso di infedele dichiarazione, si applica la sanzione dal 50 per cento al 100 per cento del tributo non versato, con un minimo di 50 euro. 
4. In caso di mancata, incompleta o infedele risposta al questionario entro il termine di sessanta giorni dalla notifica dello stesso, si applica la sanzione da euro 100 a euro 500.
5. Qualora i documenti utilizzati per i versamenti non contengono gli elementi necessari per l’identificazione del soggetto che li esegue e per l’imputazione della somma versata, si applica la sanzione da € 103 a € 516, stabilita dall’art. 15 del Decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 471.
6. Le sanzioni di cui ai commi da 2 a 4 sono ridotte ad un terzo se, entro il termine per la proposizione del ricorso, interviene acquiescenza del contribuente, con pagamento del tributo, se dovuto, della sanzione e degli interessi. 
7. La contestazione della violazione non collegata all’ammontare del tributo deve avvenire, a pena di decadenza, entro il 31 dicembre del quinto anno successivo a quello in cui è commessa la violazione.
LIVELLI DI RACCOLTA DIFFERENZIATA PER GLI ULTIMI TRE ANNI DISPONIBILI

Anno

Popolazione Rifiuti Differenziati (t) Rifiuti Totali (t) Percentuale RD (%)
2018 7.881 4350,981 5632,341 77,25%
2017 7.836 4120,782 5394,462 76,39%
2016 7969 4019,404 5112,264 78,62%

Fonte: Catasto dei Rifiuti di cui al D.Lgs. 152/06 

REGOLE DI CALCOLO DELLA TARIFFA

A partire dal 2020, il Calcolo della Tariffa TARI si basa su due norme: per quanto concerne la misura del Costo del Servizio e il Piano Economico Finanziario, il calcolo avviene con il Metodo Tariffario Rifiuti - Allegato A alla delibera 433/2019/R/rif di ARERA (Autorità di Regolazione Energia, Reti e Ambiente); per l'articolazione del Costo del Servizio nei confronti dell'Utenza Domestica e non Domestica, il calcolo avviene con le regole di cui al DPR 158/1999 e relativi Allegati. Entrambe le norme coesistono in quanto hanno, come detto, due diversi scopi: rispettivamente misurare il Costo del Servizio e suddividerlo tra gli Utenti.

Cliccando qui potete accedere alla Delibera 443/2019/R/rif e ai suoi allegati

Cliccando qui potete accedere all'estratto della Delibera del Consiglio Comunale che evidenza la Tariffa nei confronti dell'Utenza per l'anno 2019; per l'anno 2020 le tariffe saranno pubblicate non appena adottate.

Si evidenziano di seguito alcuni esempio di calcolo relativi ad alcune casistiche:

UTENZE DOMESTICHE

3 OCCUPANTI - Per un'utenza domestica di 90mq il totale dovuto, considerando l'addizionale provinciale pari al 5,00% e un periodo di 365 giorni, ammonta a € 172,82, calcolato applicando:

Tariffa fissa: € 0,50133
Tariffa variabile: € 119,49399
Quota fissa: € 0,50133 * 90 * (365/365) = € 45,11
Quota variabile: € 119,49399 * (365/365) = € 119,49
Totale imposta: € 45,11 + € 119,49 = € 164,6
Totale: € 164,6 + 5,00% = € 172,82
1 OCCUPANTE - Per un'utenza domestica di 90mq il totale dovuto, considerando l'addizionale provinciale pari al 5,00% e un periodo di 365 giorni, ammonta a € 73,72, calcolato applicando:
Tariffa fissa: € 0,38197
Tariffa variabile: € 35,84820
Quota fissa: € 0,38197 * 90 * (365/365) = € 34,37
Quota variabile: € 35,84820 * (365/365) = € 35,84
Totale imposta: € 34,37 + € 35,84 = € 70,21
Totale: € 70,21 + 5,00% = € 73,72
UTENZE NON DOMESTICHE
N 24- BAR- CAFFE’-PASTICCERIAPer un'utenza non domestica di 180mq il totale dovuto, considerando l'addizionale provinciale pari al 5,00% e un periodo di 365 giorni, ammonta a € 2294,30, calcolato applicando:
Tariffa fissa: € 3,57444
Tariffa variabile: € 8,56482
Quota fissa: € 3,57444 * 180 * (365/365) = € 643,39
Quota variabile: € 8,56482 * 180 * (365/365) = € 1541,66
Totale imposta: € 643,39 + € 1541,66 = € 2185,05
Totale: € 2185,05 + 5,00% = € 2294,30
N 17- ATTIVITA’ ARTIGIANALI TIPO BOTTEGHE: PARRUCCHIERE- BARBIERE ESTETISTA - Per un'utenza non domestica di 80mq il totale dovuto, considerando l'addizionale provinciale pari al 5,00% e un periodo di 365 giorni, ammonta a € 381,00, calcolato applicando:
Tariffa fissa: € 1,33590
Tariffa variabile: € 3,19993
Quota fissa: € 1,33590 * 80 * (365/365) = € 106,87
Quota variabile: € 3,19993 * 80 * (365/365) = € 255,99
Totale imposta: € 106,87 + € 255,99 = € 362,86
Totale: € 362,86 + 5,00% = € 381,00

 

ATTI DI APPROVAZIONE DELLE TARIFFE - ANNO IN CORSO

Le Tariffe per l'anno 2020 non sono state ancora Deliberate. Si ricorda che le Tariffe sono calcolate sulla base del Piano Economico e Finanziario che, dall'anno 2020, è predisposto sulla base del Metodo Tariffario Rifiuti di cui all'Allegato A della Delibera 443/2019/R/rif dell'Autorità ARERA che, dal 01/01/2018, svolge le funzioni di Regolazione anche del Servizio Integrato dei Rifiuti.

Si riportano gli Atti attualmente vigenti (cliccare sul documento per accedervi).

Delibera e PEF per l'anno 2019

ACCESSO A RIDUZIONE TARIFFARIE PER UTENTI IN DISAGIO ECONOMICO E SOCIALE

Per poter usufruire dei contributi TARI agli utenti in stato di disagio economico e sociale occorre rivolgersi:

- all'UFFICIO SERVIZI SOCIALI  che riceve  presso la Sede Comunale, PREVIO APPUNTAMENTO –
- TEL. 0365 546070-71 nei seguenti orari DAL LUNEDì AL VENERDì DALLE ORE 9.00 ALLE 12:30
- email: servizisociali@comune.toscolanomaderno.bs.it

PER QUANTO RIGUARDA IL BONUS SOCIALE PREVISTO DAL DECRETO “FISCALE” D.L. 124 del 26/10/2019, conv. L. 157 del 19/12/2019, articolo 57 bis ATTENDIAMO DISPOSIZIONI DA PARTE DI ARERA. 

Probabilmente la gestione del bonus sociale verrà parificata a quella già adottata da ARERA per l’energia elettrica, il gas e il servizio idrico integrato che, attualmente, prevede quanto segue:
 "Il Bonus Sociale è una misura volta a ridurre la spesa per il servizio di acquedotto di una famiglia in condizione di disagio economico e sociale.
  Consente di non pagare un quantitativo minimo di acqua a persona per anno. Tale quantitativo è stato fissato in 50 litri giorno a persona (18,25 mc di acqua all'anno),corrispondenti al soddisfacimento dei bisogni essenziali.
  Hanno diritto ad ottenere il bonus acqua gli utenti diretti ed indiretti del servizio di acquedotto in condizioni di disagio economico sociale, cioè che sono parte di nuclei familiari:

 - con indicatore ISEE non superiore a 8.265 euro; 

- con indicatore ISEE non superiore a 20.000 euro con almeno 4 figli a carico (famiglia numerosa) 

I titolari del Reddito di cittadinanza (Pensione di cittadinanza) possono richiedere anche il bonus idrico se l’ ISEE non supera il valore di 8.265 euro. 

La domanda per ottenere il bonus acqua va presentata, in forma di autocertificazione, presso il proprio Comune di residenza o presso un altro ente designato dal Comune (CAF, Comunità montane) utilizzando gli appositi moduli che verranno pubblicati su questo sito (www.arera.it), sul sito www.sgate.anci.it e resi disponibili sui siti internet dei Gestori e degli Enti di Governo dell’Ambito

Possibilità di richiedere il bonus acqua insieme a quello per energia elettrica e gas
Erogazione bonus: avviene in bolletta. Nello specifico, l'ammontare annuo è erogato pro-quota giorno e ogni bolletta che contabilizzi i consumi relativi al periodo di agevolazione riporterà una parte del bonus proporzionale al periodo cui la bolletta medesima fa riferimento.
Il bonus è riconosciuto per un periodo di 12 mesi a decorrere dalla data di inizio agevolazione riportata nella comunicazione di ammissione e in bolletta. Al termine di tale periodo, per ottenere un nuovo bonus, l’utente deve rinnovare la richiesta di ammissione presentando apposita domanda".

AGEVOLAZIONI E RIDUZIONI – ART. 17 REGOLAMENTO TARI –Del.CC n. 10 del 12/05/2020

Articolo 17
ESENZIONI E RIDUZIONI
1. Sono esenti dall’imposta le aree scoperte pertinenziali o accessorie a locali tassabili, non operative, e le aree comuni condominiali di cui all'art. 1117 del codice civile che non siano detenute o occupate in via esclusiva.
2. La tassa è dovuta nella misura 20%, in caso di mancato svolgimento del servizio di gestione dei rifiuti, ovvero di effettuazione dello stesso in grave violazione della disciplina di riferimento, nonchè di interruzione del servizio per motivi sindacali o per imprevedibili impedimenti organizzativi che abbiano determinato una situazione riconosciuta dall'autorità sanitaria di danno o pericolo di danno alle persone o all'ambiente. 
3. Nelle zone in cui non è effettuata la raccolta, la TARI è dovuta nella misura del 20%; la riduzione di cui al presente comma si applica alle utenze domestiche e alle utenze non domestiche con superficie imponibile non superiore a 300 mq. e non si applica alle altre utenze non domestiche, che sono tenute a conferire direttamente i propri rifiuti presso le isole ecologiche comunali. 
4. La tariffa si applica in misura ridotta, nella parte fissa e nella parte variabile, del 20% ai locali, diversi dalle abitazioni, ed aree scoperte adibiti ad uso stagionale o ad uso non continuativo, ma ricorrente, comprovata da licenza stagionale. 
5. Qualora si rendessero applicabili più riduzioni o agevolazioni, ciascuna di esse opera sull’importo ottenuto dall’applicazione delle riduzioni o agevolazioni precedentemente considerate.
6. E’ assicurata la riduzione per la raccolta differenziata riferibile alle utenze domestiche, attraverso l’abbattimento della tariffa complessivamente imputata a tali utenze in misura percentuale pari al 15%, per l’avvio di sistemi di compostaggio domestico. La riduzione è subordinata alla presentazione, di apposita istanza, attestante di aver attivato il compostaggio domestico in modo continuativo, e corredata dalla documentazione attestante l’acquisto dell’apposito contenitore o della documentazione fotografica comprovante la presenza di compostiera o concimaia la cui idoneità sarà valutata dal competente ufficio comunale. La riduzione di cui al presente comma decorre dal mese successivo alla presentazione dell’apposita istanza ovvero dall’anno successivo qualora l’istanza sia presentata successivamente all’emissione dell’invito di pagamento, di cui all’articolo 20, comma 6, dell’anno di competenza. 
7. Alle utenze non domestiche situate all’interno dei centri storici, al fine di stimolare il ripopolamento di attività commerciali, artigianali e di servizi, si applica una riduzione pari al 15% della tariffa totale. La Giunta Comunale con delibera individua le zone di cui al precedente periodo e stabilisce anno per anno l’attivazione dell’agevolazione. (in vigore dal 01.01.2020).
8. A partire dal 2014 le nuove attività commerciali, artigianali e di servizi, non a carattere temporaneo, fermi restando gli obblighi dichiarativi, sono esonerate dal pagamento della tassa, per un periodo di due anni decorrente dall’inizio dell’attività. Per nuove attività si intendono quelle che non possono beneficiare di avviamento, sia per cambio di tipologia che per riapertura dopo un periodo di almeno tre mesi per cessata attività precedente; per usufruire dell’esenzione, i nuovi soggetti non devono avere vincoli di parentela e/o affinità fino al secondo grado con i precedenti gestori.
9. Tutela e promozione dei negozi storici e tradizionali del Comune di Toscolano Maderno, localizzati nelle frazioni collinari. (in vigore dal 01.01.2015)
Agli esercizi commerciali di vicinato, esercenti l’attività di rivendita di generi alimentari e di piccola distribuzione nonché ai bar gestiti da associazioni localizzati nelle frazioni collinari di Gaino, Maclino e Cecina, in considerazione del ruolo da questi svolto a vantaggio della popolazione, in gran parte anziana, si applica l’esenzione del tributo.
I soggetti beneficiari dovranno presentare annualmente, entro il 1° bimestre solare dell’anno di competenza, la domanda di ammissione all’agevolazione ed essere in regola con gli adempimenti previsti per legge e con le normative vigenti in materia fiscale, assicurativa e previdenziale, di applicazione del CCNL e del contratto di categoria, nonché con gli obblighi contributivi.
Non potranno beneficiare dell’agevolazione, i soggetti che:
- si trovino in stato di liquidazione, amministrazione controllata, concordato preventivo o procedura fallimentare.
10. Sono esonerati dalla tariffa rifiuti, gli immobili, oltre che utilizzati, posseduti a titolo di proprietà o altro diritto reale dagli enti no profit – onlus organizzazioni non lucrative, in considerazione delle loro finalità di solidarietà nel campo dell’istruzione, dell’assistenza sanitaria, della formazione, dello sport dilettantistico, della promozione della cultura e dell’arte e della tutela dei diritti civili. Per ottenere l’esenzione è necessario presentare richiesta formale allegando Statuto. (in vigore dal 01.01.2016).
10. Le disposizioni di cui ai commi da 7 a 10 del presente articolo saranno finanziate attraverso il ricorso a risorse derivanti dalla fiscalità generale del comune, come previsto dal comma 660 dell’art. 1 della Legge n. 147/2013 e s.m.i.
11. Per le utenze non domestiche che hanno subito l’arresto dell’attività a causa di stati di calamità naturali (frane, alluvioni etc.) che abbiano comportato l’interruzione della viabilità per divieto di transito, con l’emissione di un’ordinanza da parte dell’autorità competente, viene stabilita una riduzione del 70% ; (in vigore dal 01.01.2020).
DOCUMENTI DI RISCOSSIONE ONLINE

I contribuenti che intendono richiedere la ricezione di documenti di riscossione relativi al Tariffa Rifiuti (TARI)  tramite posta elettronica ( PEC o e-mail), possono comunicarlo compilando questo modulo.

Tale modulo può essere inoltrato via email (immobili@comune.toscolanomaderno.bs.it; rd@comune.toscolanomaderno.bs.it) oppure consegnarlo all’Ufficio Tari dal Lunedì al Venerdì dalle 9:00 alle 12.30 (SU APPUNTAMENTO tel.0365/546084-36).

Avvisi Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente

Nessun avviso disponibile

REGOLAMENTI, DELIBERE, PIANO ECONOMICO E FINANZIARIO, MODULISTICA

In questa sezione sono pubblicate le Delibere attinenti il Regolamento TARI.

E' accessibile anche la Modulistica utile per le Attivazioni, Disattivazioni e altre Informazioni e documenti di interesse.

Regolamento TARI vigente (infra Regolamento Imposta Unica Comunale approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 10 del 12/05/2020)

 

I contribuenti che abbiano verificato un’incongruenza nei dati di dettaglio dell’invito al pagamento ricevuto o che debbano comunicarne una variazione possono richiedere rettifica/rimborso tramite “ISTANZA DI RETTIFICA RIMBORSO BOLLETTA TARI".

Modulo Reclami: da utilizzare per ogni istanza di reclamo al Gestore della Tariffa e del Rapporto con l'Utenza che attualmente è il Comune di Toscolano Maderno.

 

 

Elementi in evidenza

News e comunicazioni

caricamento...