Gadauno Spa


 

Relazione di Sostenibilità 2018 - Lettera agli Stakeholder

Il 2018 è l’anno in cui Garda Uno cambia pelle: come una creatura vivente è capace di adattarsi e plasmarsi ad un nuovo contesto e una nuova realtà. Salutato il ciclo idrico, le energie si sono focalizzate sul settore igiene urbana e sulle attività produttive, fucina di nuovi progetti che nascono come piccole startup.

La maggior novità si ha con l’inizio dei lavori per il Car Sharing targato Garda Uno. E’ un servizio solitamente esclusivo per le aree urbane, ma che abbiamo voluto calibrare per un territorio vasto come quello del Lago. Un progetto che, grazie al contributo del MATTM, decollerà definitivamente nel 2019.

L’obiettivo non si limita esclusivamente ad abbattere le emissioni: si desidera educare ad una nuova mentalità di condivisione di un bene, come l’auto, che abitualmente è riconosciuto come privato, ma che può trasformarsi in una risorsa per tutti. In questa ripartenza, i compagni di viaggio sono gli stessi: i nostri Soci, i nostri dipendenti ed i cittadini del territorio che serviamo. Proprio questi, i clienti finali, si rivelano sempre più attenti osservatori, attivi ed esigenti: sono gli occhi del territorio.

I servizi devono quindi essere di alto livello, devono scontare tutti i protocolli di qualità interni ed essere offerti celermente. Inutile nascondere che il ritmo con il quale incede il lavoro e la vita è sempre più veloce, segue i battiti della fibra ottica, della smart city e della tecnologia all’avanguardia.

Spesso alcuni servizi passano anche inosservati o vengono dati per scontati finché un malfunzionamento o un’imprecisione ci ricorda che esistono e sono fondamentali per il benessere comune.

Questo report ha proprio la funzione di spiegare tutti i nostri servizi ed il nostro agire: si desidera esporre in modo esauriente cosa fa Garda Uno, come lo fa e che impatti genera il suo operato su ambiente e società.

I risultati che  emergono hanno l’ambizione di colmare le esigenze di approfondimento e trasparenza dovute a tutti i nostri stakeholder. La sostenibilità, infatti, non è più una prerogativa di pochi, ma è un dovere di tutti.

A livello globale sono sempre più forti le voci che chiedono un cambiamento decisivo per proteggere il pianeta e per contrastare il cambiamento climatico. Garda Uno vuole dare il proprio contributo: ad esempio, nel 2018 la raccolta differenziata è arrivata al 75,6%. Una percentuale così alta è frutto del sistema di raccolta porta a porta che permette di ottenere una materia che facilita non solo il riciclo, ma anche il recupero.

Seguendo questa linea, ben tracciata dalla politica di Economia Circolare definita dall’Unione Europa, nel 2018, a Desenzano, Garda Uno ha avviato le prime Isole del Riuso e che in 12 mesi hanno dato notevoli risultati.

Un’altra prospettiva imprescindibile per ottenere un cambio di rotta a livello socio-ambientale è riuscire a tramettere messaggi di sostenibilità ad un pubblico più ampio possibile: nel 2018 è stato scelto lo sport e il prossimo anno si punterà all’arte.

Il cambiamento non è solo un’esigenza, ma è un’occasione per ampliare i propri obiettivi, le proprie prospettive e i nuovi servizi.

Posso affermare che quanto rendicontato nel 2018 non è che l’inizio.

Il Presidente dott. Mario Bocchio

Scarica la Relazione di Sostenibilità 2018

 


Credits:

La realizzazione di questa Relazione è stata possibile grazie al contributo di dipendenti di Garda Uno Spa. A tutti va un caro ringraziamento per il loro impegno ed il contributo di informazioni, dati, idee.

La Relazione di Sostenibilità 2018 è redatta a cura di:
Pietro Lazzarini - Direttore Amministrativo, Garda Uno Spa
Stefania Bellini - Segreteria Generale e Comunicazione, Garda Uno Spa

Progetto grafico e impaginazione:
Giuseppe Pina - CommunicationWatt

Fotografie:
Michele Troiano - MultimediaMT
Archivio Garda Uno

 

caricamento...