Gardauno Spa

 

Relazione di Sostenibilità Garda Uno 2020 - Le Isole del Riuso

L’Unione Europea ha emanato il proprio pacchetto sull’economia circolare dalla quale si ribadisce la necessità di un nuovo concetto di consumo che punta ad abbandonare il concetto dell’usa-e-getta.

Nel mondo dei rifiuti si punta a prevenirne la creazione, ad incentivarne il recupero, la riparazione, il riuso ed il riciclo.

A Desenzano da metà 2018, a Calcinato dal 2020 esistono dei luoghi dove vecchi oggetti e mobili riprendono vita. Stiamo parlando delle quattro Isole dei Riuso sorte grazie all’iniziativa di Garda Uno, Cooperativa Cauto e Comune: sono strutture nelle quali i cittadini possono depositare i loro vecchi mobili ed oggetti.

Dopo aver scontato una selezione qualitativa, i beni passano nelle mani della cooperativa dove vengono puliti, rimessi a nuovo e preparati per una nuova vita.

Inoltre, in base ai quantitativi raccolti, il Comune accumula dei buoni che potranno essere destinati ai servizi sociali e sono spendibili presso un negozio specializzato, attento alle politiche ambientali.

Dal monitoraggio è emerso che, dalla partenza del progetto, le quantità conferite sono in continuo aumento, registrando un picco nel mese di luglio, complice anche il forte aumento delle presenze turistiche nelle località della riviera gardesana più gettonate e la presenza di seconde case.

I quantitativi raccolti sono, di fatto, tolti dal ciclo dei rifiuti, abbattendo così tutti gli inquinanti che ne derivano tra cui il trasporto presso gli impianti di recupero e lo smaltimento degli stessi rifiuti.

Il progetto delle Isole del Riuso si muove invece nella direzione opposta, allungando la vita degli oggetti in modo da allontanare il più possibile la loro dimissione e quindi la trasformazione in rifiuto.

Siamo convinti che questo progetto possa essere un reale strumento a servizio della collettività, innescando cicli virtuosi e solidali, lavorando sul fronte dell’educazione civica e ambientale: i risultati non potranno che essere sempre migliori.

L’anno 2020 ha visto lo stop dei conferimenti presso le Isole del Riuso formalmente per due mesi e mezzo, dal 13/03/2020 con la nota di Regione Lombardia “Emergenza virus Covid-19 – Indicazioni ai Comuni per la gestione dei rifiuti urbani: centri di raccolta e centri del riuso” ed il successivo decreto con il decreto N° 520 del 1/04/2020, al 29/05/2020 con il decreto N°554. I dati riportano un crollo di circa il 60% del peso del materiale recuperato.

La pandemia in corso ha inciso ben oltre la chiusura formale, intaccando le consuetudini del cittadino anche in termini di conferimenti successivi. Si può osservare infatti dalle rendicontazioni come tra marzo e giugno non emergano ritiri, ma nemmeno da novembre a dicembre.

Rimane invariata la qualità del materiale conferito, lo scarto percentuale è stabile attorno al 33% circa.

Per il Comune di Desenzano i numeri aggregati, nonostante il periodo emergenziale, raccontano di oltre 3.800 kg di beni intercettati prima che diventassero rifiuti, 44 mobili e circa 3.500 oggetti che genera un corrispettivo in Buoni per i servizi sociali dei comuni pari a 350€.

Per il Comune di Calcinato nel 2020 i beni recuperabili sono stati

CLICCA QUI per scaricare la Relazione di Sostenibilità 2020 (Pdf - 9,64 MB)

 

caricamento...