Gadauno Spa

MILANO. E’ stato presentato martedì 20 dicembre presso il Museo delle Scienze e della Tecnologia di Milano il progetto europeo e-MOTICON “e-MObility Transnational strategy for an Interoperable COmmunity and Networking in the Alpine Space”.

Tema dell’evento: l’interoperabilità dei sistemi di ricarica della mobilità elettrica nei Paesi europei dell’arco alpino.

Garda Uno SpA, ha dato il suo contributo grazie al programma “100% Urban green mobility” che è stato ritenuto meritevole, insieme ad altri, per le tecniche d’avanguardia utilizzate nella realizzazione del sistema di gestione e di accesso al servizio.

La Regione Lombardia, ente organizzatore, in collaborazione con RSE (Ricerche Sistema Energetico), Interrege G – Alpin Space, (ente transalpino che aggrega, oltre all’Italia, Francia, Svizzera, Austria, Germania e Slovenia), ha voluto condividere con alcuni stakeholders del settore programmi di mobilità sostenibile con la creazione di un tavolo di lavoro che vedrà impegnati i soggetti per almeno due anni: obiettivo, quello di sviluppare un unico modello di utilizzazione del servizio di ricarica elettrica.

Com’è noto, la multiutiliy bresciana ha uno dei suoi punti di forza proprio nella mobilità con un’infrastruttura di ricarica connessa ad impianti fotovoltaici ad energia autonoma senza costi ed emissioni.

Il direttore operativo Massimilano Faini, nel suo intervento ha illustrato le caratteristiche principali della rete, in particolare ha dato spazio all’innovativo sistema di accesso al servizio, sviluppato dall’azienda in autonomia e rispettando le direttive contenute nel PNire.

E’ stato mostrato come possono essere attivate le transazioni da parte degli utenti: tramite una Mobility Card, ottenuta previa registrazione; oppure grazie ad un applicativo, che permette l’acquisto di una singola ricarica con carta di credito.

Quest’ultima modalità accoglie i requisiti definiti dal protocollo OCPP 1.5 (standard aperto) per gli accessi degli utenti temporanei, garantendo: servizio di ricarica aperto senza contratto e attivo h24.

Si ricorda che le colonnine di ricarica saranno in totale 33, dislocate in 27 località del Garda e della pianura bresciana e che al sistema gestionale è stato associato un alto livello di controllo del servizio, grazie ad un apparato di diagnostica e allarmistica sempre attivo in grado di monitorare l’infrastruttura di ricarica ed intervenire con assistenza puntuale, su segnalazioni ricevute ad un numero verde dedicato.

GARDA UNO SPA
COMUNICATO  STAMPA

caricamento...