Gadauno Spa

Il Gazzettino Nuovo: Garda Uno, un 2016 molto positivo nella raccolta differenziata

Un 2016 da incorniciare  nella raccolta e gestione dei rifiuti, con una percentuale di segno più a due cifre in molti comuni che adottano la differenziata porta a porta e nella quantità di rifiuti urbani destinata agli impianti di smaltimento o di recupero.

E’ l’analisi finale sulla raccolta rifiuti effettuata lo scorso anno, elaborata dal settore di igiene urbana di Garda Uno, diretta da Massimo Pedercini.

La società ha, infatti, registrato nei 22 comuni nei quali si occupa del servizio, una raccolta complessiva di 80 mila tonnellate di rifiuti urbani, mediamente 218 tonnellate al giorno. Una massa imponente di rifiuti che la multiutility ha raccolto e trasportato agli impianti di recupero o smaltimento impiegando più di 100 automezzi.

Ma quale strada prendono i rifiuti?

Risponde Pedercini: “Vanno agli impianti di riciclaggio per diventare materia prima per l’industria. Spesso i cittadini non lo sanno, vedono solo i rifiuti partire, e in alcuni sorge il dubbio che il rifiuto si raccolga separato ma poi si getti tutto insieme”. Non è cosi.

Anche i rifiuti ingombranti e quelli raccolti dallo spazzamento stradale sono conferiti a impianti di recupero. Per i rifiuti non separati e inseriti nei contenitori dell’”indifferenziato”, il loro destino è il termoutilizzatore di Brescia, che li utilizza come combustibile per produrre energia elettrica e calore distribuito con il teleriscaldamento.

Questi rifiuti non riciclabili si sono ridotti negli ultimi 5 anni, poiché nella maggior parte dei comuni gestiti da Garda Uno è avviata la raccolta porta a porta, che privilegia l’accurata separazione dei rifiuti.

Lo scorso anno il porta a porta ha fornito ottimi risultati.

Conclude Pedercini: “Nel 2016 i servizi di raccolta sono stati potenziati con alcune migliorie. Inoltre, sono stati potenziati i punti di raccolta di rifiuti pericolosi e di quelli di oli esausti alimentari e minerali, tappi di sughero, cartucce stampanti”.

Sui progetti di quest’anno interviene il presidente Mario Bocchio:

“E’ indispensabile tenere alta l’attenzione sul riciclaggio e poi migliorare le prestazioni ambientali: intendiamo introdurre camion ibridi e elettrici per la raccolta differenziata dei rifiuti, automezzi di ultima generazione da utilizzare soprattutto nelle zone più densamente abitate, per ottenere così una riduzione drastica di inquinamento e consumi”.

Fonte: ilgazzettinonuovo.it

Data di pubblicazione: Lunedi 08 Maggio 2017


FORSE NON SAI CHE…

Il progetto “Forse Non Sai Che…” ha l’obiettivo di potenziare il riciclaggio e la raccolta di frazioni leggere, quali gli oli minerali e vegetali, i farmaci e le pile, le lampadine e i neon, i tappi di sughero e il toner, e ancora, gli abiti e gli accumulatori di auto.

Si tratta di un’operazione che tocca i dettagli, volta a sensibilizzare la popolazione e le aziende, ma anche a coinvolgere punti vendita, strutture ricettive e scolastiche che diventano punti di raccolta per accogliere questi rifiuti che, altrimenti, potrebbero finire in quelli indifferenziati.

Si parla di rifiuti pericolosi (pile e batterie) o, in altri casi, poco considerati, come l’olio vegetale. I punti di raccolta verranno ampliati prossimamente nelle scuole, nei negozi e negli esercizi pubblici con l’adesione e la collaborazione delle rispettive strutture.

Clicca qui per maggiori informazioni


APP GardaUno Ricicla

L’applicazione avvisa per tempo quando bisogna esporre i rifiuti e, inoltre, contiene l’ABC dei rifiuti, una guida dettagliata con più di 400 voci. L’utente interessato riceverà avvisi sul proprio smartphone, (ad esempio in caso di impedimenti alla raccolta per lavori stradali) e news aggiornate. La nuova app si può scaricare da app.gardauno.it, mentre ulteriori informazioni sono presenti anche sul sito gardauno.it.

caricamento...