Gadauno Spa


”Il ministero ha premiato il nostro progetto, finanziando per tre quarti ciò che ben presto, prenderà il via, vale a dire, il progetto di car sharing”.

Massimiliano Faini, direttore di Garda Uno esprime la propria soddisfazione, raccontando di come ben presto, presso quattro Comuni pilota, che sono Desenzano, Peschiera, Padenghe e Salò, chi vorrà andare al lavoro o a scuola o comunque avrà bisogno di spostarsi, potrà farlo prendendo, presso una delle piazzole che saranno allestite, un’auto o una moto a propulsione elettrica, messe a disposizione dall’azienda, per poi riportarla presso la piazzola stessa o presso un’altra.

Racconta di come la mobilità sostenibile si stia evolvendo anche in Italia, dove alcuni ostacoli, legali burocratici, sono stati rimossi, permettendo al nostro Paese di adeguarsi a quanto già accade nel resto d’Europa.

Spiega come la stessa tecnologia si sia evoluta, producendo veicoli elettrici o ibridi con prestazioni molto migliori, rispetto a quelle di solo pochi anni fa.

Nel corso della trasmissione, rispondendo agli ascoltatori, parla anche del conferimento del ramo idrico ad Acque Bresciane, del collettore sublacuale e relativo depuratore di Visano e del disastro che si è rischiato. quando una chiatta è affondata proprio su una condotta al largo di Gardone.

Clicca qui per il podcast completo dell'intervista (21:14m.)

Fonte: ilgazzettinonuovo.it

Data di pubblicazione: Mercoledi 24 Gennaio 2018

Immagine di copertina: da news originale

 

caricamento...