Gadauno Spa

ilgazzettinonuovo.it: acqua minerale di qualità a costi molto contenuti

Con Garda Uno acqua minerale di qualità a costi molto contenuti – Il risparmio può essere di 235 euro l’anno a testa.

Fornire un’acqua potabile sempre più di qualità e risparmiare 235 euro l’anno a testa. Dopo quella della raccolta differenziata con il sistema del “porta a porta”, che sta superando le più ottimistiche previsioni, per Garda Uno la scommessa è di garantire acqua da bere di ottima qualità.

E la multiutility gardesana lo fa investendo anno dopo anno.

Per esempio, nel 2015 sono stati spesi 385 mila euro, di cui 205 mila solo per le analisi di laboratorio, 135 mila per prodotti chimici e 45 mila per la manutenzione delle filiere di trattamento.

L’acqua grezza captata da lago, pozzi o sorgenti, prima della distribuzione è sottoposta a processi di potabilizzazione calibrati in funzione delle differenti caratteristiche chimiche e microbiologiche originarie.

C’è poi un efficiente sistema di telecontrollo che articola e intreccia centinaia di dati, che da 15 anni permette ai conduttori di governare da remoto gli impianti e, quindi, di scongiurare eventuali disservizi. Il nuovo progetto, già in cantiere nel settore Ricerche e Studi della società guidata da Mario Bocchio, prevede di elevare il livello di sicurezza della filiera di trattamento, distribuzione e consegna, puntando a garantire la conformità della qualità dell’acqua sino al consumo.

Questo in adesione alle linee guida per la gestione del rischio dell’acqua potabile introdotte col Rapporto Istisan del 2014.

Sempre lo scorso anno, i piani di qualità messi in cantiere da Garda Uno hanno previsto un controllo di 28.200 parametri qualitativi. Lo studio ha fatto emergere che il PH alla sorgente è inferiore a quello delle acque in vendita, così come i nitrati, il magnesio, il calcio, e via dicendo.

Ma lo studio ha un suo versante economico secondo cui l’acqua comunale porta un notevole risparmio per le famiglie rispetto all’uso dell’acqua in bottiglia. In Italia si consumano poco meno di 200 litri di acqua minerale pro capite, che ci vede come il Paese con il più alto consumo in Europa.

Per il consumatore si parla di un esborso di 235 euro l’anno.

Come evitare di spendere questi soldi?

L’utenza di Garda Uno può farlo frequentando i 13 punti d’acqua gratuita aperti in molte località del territorio, che nel 2015 hanno distribuito 1 milione 575 mila litri, con un costo di 74.780 euro, ovvero un modestissimo 0,047 euro per ogni litro d’acqua.

News originale: ilgazzettinonuovo.it

Data di pubblicazione: Giovedi 01 Settembre 2016

Fotografia di copertina: da archivio Garda Uno Spa

caricamento...