Gadauno Spa

Servizio Idrico, siglata l’intesa per un Ambito unico del lago.Accordo tra Garda Uno, Azienda Gardesana e Siasm per ottimizzare servizi e investimenti

Prove tecniche di costituzione dell’Ato del Garda. Ieri pomeriggio a Peschiera del Garda è stato siglato un protocollo d’intesa fra Garda Uno Spa, Azienda Gardesana e Siasm, cioè le tre società interamente pubbliche che gestiscono il ciclo idrico integrato rispettivamente sulla riviera bresciana, veronese e nell’area dell’Ato Mantovano.

L’obiettivo è mettere in comune le funzioni delle aziende, migliorare i servizi, ridurre i costi.

Il progetto. La firma rappresenta il primo passo per la costituzione di un Ambito territoriale unico interregionale del Garda, cioè un’autorità di bacino competente sul territorio del lago e sui 73 Comuni che oggi sono i soci dell tre aziende pubbliche.

“Il nostro è l’unico esempio concreto in Italia di macro Regione – ha sottolineato il presidente di Garda Uno Mario Bocchio -. Il territorio ha scelto, basta con le delimitazioni volute dall’alto. La politica prenda atto di queste indicazioni che arrivano dai cittadini”.

A questo scopo l’intesa punta a organizzare tra i soci del servizio idrico attività d’impresa che puntano a creare sinergie per arrivare ad una diversa configurazione societaria, cioè alla costituzione di una NewCo. Non solo.

L’obiettivo. Tra gli intenti del protocollo rientra la volontà di completare la redazione e approvazione del progetto globale di tutela ecologica del Garda e delle aree di pianura appartenenti al bacino idrografico, incluso l’Alto Mantovano.

Tanto che l’ipotesi sul tappeto prevede di creare un nuovo collettore che convogli i reflui del Mantovano a partire da Monzambano verso il depuratore di Peschiera.

Si lavora cioè alla messa a punto del progetto di adeguamento e potenziamento del collettore fognario e del depuratore.

Attualmente c’è un progetto preliminare. Ora si punta a passare a quello definitivo e esecutivo che sarà più ampio di quello fin qui ipotizzato.

Infatti inglobando l’intesa anche i Comuni mantovani che fanno capo alla società Sisam di Casteloffredo, l’area e gli interventi sembrano destinati ad allargarsi ed a costare di più.

Poi ci si metterà in moto per presentare allo Stato il progetto unitario ed una richiesta di finanziamenti.

Ennio Moruzzi

Fonte: Giornale di Brescia

Pubblicato: Domenica 10 Maggio 2015

Fotografia di Copertina: ‘Una panoramica del depuratore di Peschiera’ (da articolo originale)

caricamento...