Gadauno Spa

Giornale di Brescia: porta a porta per dire addio al turismo dei rifiuti

Raccolta «porta a porta» per dire addio al turismo dei rifiuti – Entro la primavera al via il nuovo metodo. Obiettivo è il 65% di differenziata.

Entro primavera la raccolta dei rifiuti sarà porta a porta. Anche San Felice si converte al sistema adottato in tutti i Comuni limitrofi e preferito dal 70% dei paesi lombardi.

Il percorso è cominciato a dicembre, con una delibera della Giunta che ha ufficializzato la scelta: «Puntiamo al 65% di raccolta differenziata entro la fine del 2016 – spiega l’assessore all’Ambiente Rodolfo Trenti -.

Attualmente siamo al 50%. Una percentuale comunque rispettabile, raggiunta soprattutto grazie alla sensibilità dei feliciani e alla scelta dell’Amministrazione di installare sul territorio micro-isole ecologiche con cassonetti specifici per ogni tipo di rifiuto».

Il porta a porta al via in primavera sarà «spinto», cioè con la raccolta a domicilio di tutti i rifiuti: «Nei prossimi mesi – sottolinea l’assessore – saranno organizzate riunioni informative con Garda Uno, e di sensibilizzazione sulle “best practices”, vale a dire le modalità per differenziare al meglio e per ridurre la quantità dei rifiuti prodotti, riduzione possibile con semplici azioni quotidiane.

L’obiettivo è dunque di spingere i cittadini sia a produrre meno scarti, sia a smaltirli nella maniera più adeguata».

Ma non solo, perché con l’entrata in funzione della raccolta a domicilio «si supererà la frammentazione attuale – conclude Trenti – che vede San Felice attorniato da Comuni dove già è in vigore il porta a porta: Manerba, Puegnago e Salò».

In questo modo si risolverà un problema non da poco, quello del «turismo dei rifiuti»: l’immondizia dei «pigri» residenti nei paesi confinanti non finirà più a San Felice.

A. SC.

Fonte: Giornale di Brescia

Pubblicato: Martedi 12 Gennaio 2016

Links: comune.sanfelicedelbenaco.bs.it

Fotografia di Copertina:  da articolo originale

caricamento...