Gadauno Spa

Garda Uno: il depuratore del Benaco si farà a Visano, inizia la caccia ai fondi – L’opera è allo studio, ora si attende il parere della Provincia: dialogo aperto col Ministero – Vertici tra enti e Comuni sul progetto per il quale servirebbero 20 milioni l’anno per almeno 9 anni.

Bassa – Visano è la scelta giusta: il depuratore del Benaco per Garda Uno sarà lì.
Il progetto si sta studiando in tutte le stanze possibili e immaginabili.

Lo si sta valutando alla Comunità del Garda e gli amministratori della Bassa, almeno quelli che più saranno coinvolti, vale a dire Visano, Remedello e Acquafredda, si sono presi tempo: ancora non si esprimono.

La storia. MaVisano, per Garda Uno, è di certo la prima ipotesi:

«Il progetto per la depurazione e il collettamento del Garda risale a nove anni fa – spiega il presidente, Mario Bocchio -. In tutto questo periodo ci siamo guardati attorno e se è vero che il nocciolo centrale della proposta elaborata con l’Università degli Studi di Brescia è rimasto invariato, è anche vero che alcune modifiche ci sono state».

Invariata è rimasta l’idea di fondo, vale a dire che le tubature debbano passare fuori dall’acqua: via, insomma, le condotte sublacuali, che peraltro dopo quarant’anni di esercizio cominciano ad accusare i segni del tempo. Sono monitorate, ma un intervento di sostanza a questo punto sarebbe auspicabile. Modificata rispetto al progetto originario, invece, la localizzazione strutturale del depuratore.

«Prima si pensava di collocarlo a Lonato, poi a Castenedolo, infine Visano, che tutt’oggi ci sembra la scelta migliore per posizione e infrastruttura. Se poi qualcuno, ad esempio la Provincia, dovesse dare altre indicazioni, si vedrà».

I costi. Il progetto preliminare ha un costo stimato in 220 milioni di euro. Di questi, 45 milioni serviranno per il «revamping» del depuratore visanese: l’idea è creare una maxi rete di collettamento a terra che daTignale tocchi tutti i Comuni della sponda bresciana del Benaco e arrivi a Visano. Ne rimarrebbero esclusi solo Desenzano e Sirmione, che continuerebbero a confluire a Peschiera.

Il depuratore di Visano, costato 15 milioni negli anni Novanta e realizzato per affrontare il problema dei reflui suinicoli, è stato aperto nel 2000 e  chiuso ad ottobre del 2002.

Da allora è pressoché abbandonato, nonostante più volte si sia parlato di una riapertura.

Da progetto vi confluiranno solo scarichi civili: insomma, niente rifiuti zootecnici.

Per lotti. I lavori per la realizzazione dell’opera dovrebbero procedere per lotti:

«Venti milioni l’anno per almeno nove anni. Una cifra considerevole secondo Bocchio – ma non impossibile.

Per mettere in sicurezza il bacino di acqua potabile più importante d’Italia, sono soldi che si possono e si devono trovare».

Per questo è in corso la caccia al finanziamento: «Gli incontri alla Comunità del Garda si susseguono – specifica il numero uno della multiutility padenghina -. Stiamo analizzando il progetto nei dettagli e sono costanti i contatti con il Ministero per ottenere i fondi. I riscontri che stiamo ottenendo sono positivi, ma per arrivare a un risultato ci vuole tempo».

Tempo che si sono presi anche gli amministratori bassaioli: il sindaco di Visano, Francesco Piacentini, il vice sindaco di Remedello, Elisa Galuppini, e il primo cittadino di Acquafredda, Alessio Guerreschi, nei giorni scorsi si sono incontrati.

Unanime il verdetto: «Il tema è complesso e per approfondirlo serve tempo».

Alice Scalfi – Marco Zanetti

Fonte: giornaledibrescia.it

Data di pubblicazione: Lunedi 19 Settembre 2016

Fotografia di copertina: da news originale

ProntoWeb - Il sistema aziendale 24 ore su 24

Per soddisfare le richieste degli Utenti, Garda Uno mette a loro disposizione una serie di strumenti informatici che consentono una reale comunicazione col Gestore del Servizio.

Il portale “PRONTOWEBmette in grado gli Utenti di interagire col sistema informativo aziendale attraverso Internet, canale oggi sempre più diffuso e familiare.

Collegandosi con un semplice browser è possibile accedere in tempo reale alle informazioni tipiche di uno sportello e compiere le operazioni direttamente da casa. L’utente potrà così interagire con il sistema aziendale 24 ore su 24 e potrà facilmente accedere alle informazioni, qualunque sia il tipo di computer o il paese di origine della chiamata.

Il portale PRONTOWEB contribuisce pertanto al miglioramento delle prestazioni erogate dall’Azienda oltre ad ottimizzare i flussi di comunicazione con l’Utenza.

Clicca qui per maggiori informazioni

 


 

Comunicare con Garda Uno è ora ancora più semplice

Il nuovo servizio 'live on line' mette in contatto l'utente con un nostro operatore direttamente dalla Home Page del sito web gardauno.it.

Cliccando su "Supporto live on line", in basso a destra su computer, tablet e smartphone, si accede alla 'Chat' in tre semplici passi: Inserisci il tuo nome - Scrivi un messaggio - Avvia Chat.

 

La risposta alle vostre domande da parte di un operatore di Garda Uno sarà immediata.

Inoltre, attivato in Home Page anche il servizio FAQ (Frequently Asked Questions) che permette di trovare risposte a domande ricorrenti quali:

  • Come e dove posso pagare la bolletta del Servizio Idrico o GPL?
  • C'è un sistema on line da dove posso avere informazioni in autonomia sul mio contratto?
  • Come si legge un Contatore dell'Acqua?
  • Quali tariffe del Servizio Idrico sono applicate da Garda Uno?

Comunicare con Garda Uno è ora ancora più semplice.

 

caricamento...