Gadauno Spa

Bocciata la discarica nella cava Castella: «Vittoria politica» – Cava Castella, cala il sipario.

Sono rimasti col fiato sospeso per cinque anni: tanto è durato l’iter della discarica nella cava Castella, a Rezzato, in un territorio confinante con Brescia e Castenedolo. Ora che la Regione ha detto no alla proposta di Garda Uno, residenti, comitati ambientalisti e amministratori che si sono opposti al progetto esultano per quella che ritengono una vittoria politica.

L’impianto avrebbe dovuto ospitare 1 milione e 890mila tonnellate di rifiuti speciali,in un’area addirittura più grande di Buffalora, quartiere con cui confina.

Per il Pirellone, però, «emerge una sostanziale non compatibilità ambientale relativa al progetto». Il parere negativo si somma a quelli, tra gli altri, di Asl e Arpa. Troppo vicino il centro abitato, troppi pericoli per la falda, troppo elevate le criticità del territorio, già martoriato: questi alcuni degli elementi che hanno portato al diniego.

Dal punto di vista del Comune di Brescia la vittoria è duplice: cancellare la discarica vuol dire facilitare il cammino del Parco delle Cave, voluto dalla Loggia nel nuovo Pgt.

Per il Pirellone, però, «emerge una sostanziale non compatibilità ambientale relativa al progetto». Il parere negativo si somma a quelli, tra gli altri, di Asl e Arpa. Troppo vicino il centro abitato, troppi pericoli per la falda, troppo elevate le criticità del territorio, già martoriato: questi alcuni degli elementi che hanno portato al diniego.

Dal punto di vista del Comune di Brescia la vittoria è duplice: cancellare la discarica vuol dire facilitare il cammino del Parco delle Cave, voluto dalla Loggia nel nuovo Pgt.

News originale: Giornale di Brescia

Data di pubblicazione: Martedi 09 Febbraio 2016

Fotografia di copertina: da news originale

Vedi anche brescia.corriere.it: No della Regione alla discarica Castella: «troppe criticità» Bocciata la richiesta avanzata da Garda Uno e Rmb.

ProntoWeb - Il sistema aziendale 24 ore su 24

Per soddisfare le richieste degli Utenti, Garda Uno mette a loro disposizione una serie di strumenti informatici che consentono una reale comunicazione col Gestore del Servizio.

Il portale “PRONTOWEBmette in grado gli Utenti di interagire col sistema informativo aziendale attraverso Internet, canale oggi sempre più diffuso e familiare.

Collegandosi con un semplice browser è possibile accedere in tempo reale alle informazioni tipiche di uno sportello e compiere le operazioni direttamente da casa. L’utente potrà così interagire con il sistema aziendale 24 ore su 24 e potrà facilmente accedere alle informazioni, qualunque sia il tipo di computer o il paese di origine della chiamata.

Il portale PRONTOWEB contribuisce pertanto al miglioramento delle prestazioni erogate dall’Azienda oltre ad ottimizzare i flussi di comunicazione con l’Utenza.

Clicca qui per maggiori informazioni

 


 

Comunicare con Garda Uno è ora ancora più semplice

Il nuovo servizio 'live on line' mette in contatto l'utente con un nostro operatore direttamente dalla Home Page del sito web gardauno.it.

Cliccando su "Supporto live on line", in basso a destra su computer, tablet e smartphone, si accede alla 'Chat' in tre semplici passi: Inserisci il tuo nome - Scrivi un messaggio - Avvia Chat.

 

La risposta alle vostre domande da parte di un operatore di Garda Uno sarà immediata.

Inoltre, attivato in Home Page anche il servizio FAQ (Frequently Asked Questions) che permette di trovare risposte a domande ricorrenti quali:

  • Come e dove posso pagare la bolletta del Servizio Idrico o GPL?
  • C'è un sistema on line da dove posso avere informazioni in autonomia sul mio contratto?
  • Come si legge un Contatore dell'Acqua?
  • Quali tariffe del Servizio Idrico sono applicate da Garda Uno?

Comunicare con Garda Uno è ora ancora più semplice.

 

caricamento...