Gadauno Spa

Forse non sai che… la maggior parte delle pile contiene metalli pesanti tossici

Le pile usate sono rifiuti pericolosi, se vanno nel posto sbagliato possono arrecare gravi danni all’ambiente.

La maggior parte delle pile contiene metalli pesanti tossici, compresi nichel, cadmio e mercurio. Tutti questi metalli possono essere recuperati e riutilizzati. Se invece le pile finiscono nel terreno i metalli pesanti possono disperdersi causando inquinamento dell’acqua e del suolo, con gravi conseguenze all’ambiente ed all’uomo.

Possiamo ridurre questi rifiuti?

SI - se acquistiamo pile ricaricabili che possono essere riutilizzate per più volte, dopo averle rifornite con la presa elettrica o con mini-pannelli solari.

SI - se acquistiamo dispositivi che hanno alimentazione tramite pile ma anche la possibilità di collegarsi alla rete elettrica, come ad esempio le radio portatili, sveglie etc.

SI - se le usiamo completamente: quando le pile sembrano scariche per dispositivi molto esigenti, possono ancora funzionare su altri apparecchi: radio, sveglie, orologi, telecomandi e simili funzionano bene anche con pile non completamente cariche.

Per controllare la carica si può acquistare un misuratore di carica disponibile in ferramenta o nei supermercati.

La spesa viene presto recuperata: i primi controlli sono sufficienti a farci capire che ci disfiamo di batterie ancora cariche, anche perché, qualche volta, si confondono le usate con le nuove. In alcune pile i dispositivi di controllo della carica sono incorporati.

Portali sempre negli appositi contenitori presenti dai rivenditori o al Centro di Raccolta del tuo Comune.


Per conoscere tutti i punti di raccolta visita la pagina ‘Mappa dei punti di raccolta’ o scarica la APP GardaUno Ricicla per il tuo smartphone o tablet.

 

caricamento...