Gadauno Spa



Pisogne. Il confronto territoriale sulla nuova società nata per gestire il patrimonio idrico dell'intera provincia - Da Sellero a Cedegolo passando per Sonico ed Edolo già definiti quasi 10 milioni d'investimenti - «I fondi privati sono necessari».


Tra consolidati passi in avanti, e difficili sfide per il futuro, Acque Bresciane assume sempre più una forma concreta. La nuova realtà territoriale nata per gestire il ciclo completo delle acque dell'intera provincia si è presentata ieri pomeriggio a Pisogne, nella Sala culturale De Lisi, in occasione dell'ormai tradizionale appuntamento con «I lunedì dell'acqua», moderato nell'occasione dalla giornalista di «Bresciaoggi» Natalia Danesi.

I numeri, per cominciare: 88 comuni gestiti - 6 paesi dell'Alta Valle Camonica hanno rinfoltito le fila del gruppo dal 1 gennaio, a breve distanza dal conferimento di Garda Uno del 27 dicembre - 242 segmenti, tra gestione di acquedotto, depurazione e fognatura, 74 milioni di investimenti previsti nel triennio 2017-2019 dalla società, costituita nel giugno 2016 al termine di un percorso iniziato già a fine 2015.

E che proseguirà nel periodo a venire, in cui è atteso anche il referendum sull'acqua pubblica. «PENSO SIA giusto chiedere alla cittadinanza cosa ne pensi sull'argomento - la riflessione di Andrea Ratti, vice presidente della Provincia di Brescia -. Voglio ricordare che la scelta di una società mista è stata fatta perché gli investimenti in programma hanno bisogno di un significativo apporto di capitale, motivo per cui il pubblico necessita del privato per farcela».

La missione di tutela del patrimonio idrico che spetta alla nuova realtà mette d'accordo Gabriele Archetti e Dario Lazzaroni, rispettivi numeri uno di Fondazione Cogeme e Cogeme. Assente invece Giovanni Valotti, presidente di A2A e presidente di Utilitalia (Federazione che riunisce le aziende operanti nei servizi pubblici dell'acqua), sostituito da Tullio Montagnoli, referente della Commissione Acque della stessa Utilitalia, che ha sottolineato come, nonostante la provincia di Brescia sia all'avanguardia a livello industriale, esistano ancora vari comuni che incorrono nelle infrazioni europee per assenze o carenze dei depuratori.

Per gli interventi relativi al tema, in Valcamonica, sono previsti alcuni importanti investimenti, come spiega il direttore tecnico di Acque Bresciane, Mauro Olivieri: l'attivazione del collettamento fognario Angolo Terme-Darfo Boario (costo 300 mila euro), il collettamento fognario al depuratore di Esine dei Comuni di Sellero, Cedegolo e Berzo Demo (4 milioni, finanziati al 40% da Regione Lombardia), il secondo stralcio del depuratore di Malonno e il collettamento fognario allo stesso depuratore di Malonno, oltre che a quelli di Sonico ed Edolo (5 milioni).

Attenzioni rivolte anche al lago d'Iseo, dove sono in corso investimenti di efficientamento del sistema di collettamento intercomunale e la ristrutturazione e ampliamento dell'impianto di depurazione di Paratico.

A completare l'incontro gli interventi di Teresa Federici, consigliera di Acque Bresciane, Marco Pilotti, dell'Università degli Studi di Brescia e di Lorella Cecconami, direttore sanitario dell'Ats della Montagna sulle acque potabili e la salute dei cittadini.

Fonte: bresciaoggi.it

Data di pubblicazione: Brescia Oggi Martedi 23 Gennaio 2018

Immagine di copertina: da news originale

 

ProntoWeb - Il sistema aziendale 24 ore su 24

Per soddisfare le richieste degli Utenti, Garda Uno mette a loro disposizione una serie di strumenti informatici che consentono una reale comunicazione col Gestore del Servizio.

Il portale “PRONTOWEBmette in grado gli Utenti di interagire col sistema informativo aziendale attraverso Internet, canale oggi sempre più diffuso e familiare.

Collegandosi con un semplice browser è possibile accedere in tempo reale alle informazioni tipiche di uno sportello e compiere le operazioni direttamente da casa. L’utente potrà così interagire con il sistema aziendale 24 ore su 24 e potrà facilmente accedere alle informazioni, qualunque sia il tipo di computer o il paese di origine della chiamata.

Il portale PRONTOWEB contribuisce pertanto al miglioramento delle prestazioni erogate dall’Azienda oltre ad ottimizzare i flussi di comunicazione con l’Utenza.

Clicca qui per maggiori informazioni

 


 

Comunicare con Garda Uno è ora ancora più semplice

Il nuovo servizio 'live on line' mette in contatto l'utente con un nostro operatore direttamente dalla Home Page del sito web gardauno.it.

Cliccando su "Supporto live on line", in basso a destra su computer, tablet e smartphone, si accede alla 'Chat' in tre semplici passi: Inserisci il tuo nome - Scrivi un messaggio - Avvia Chat.

 

La risposta alle vostre domande da parte di un operatore di Garda Uno sarà immediata.

Inoltre, attivato in Home Page anche il servizio FAQ (Frequently Asked Questions) che permette di trovare risposte a domande ricorrenti quali:

  • Come e dove posso pagare la bolletta del Servizio Idrico o GPL?
  • C'è un sistema on line da dove posso avere informazioni in autonomia sul mio contratto?
  • Come si legge un Contatore dell'Acqua?
  • Quali tariffe del Servizio Idrico sono applicate da Garda Uno?

Comunicare con Garda Uno è ora ancora più semplice.

 

caricamento...