Gadauno Spa

Salò – Dopo il passaggio al porta a porta i primi dati confermano il boom: la quota è già al 74,7% – Differenziata, balzo da record – Raccolta porta a porta, un boom – E diminuzione dei pendolari dei rifiuti.

A Salò, nell’ultimo mese in cui sono stati utilizzati i cassonetti (gennaio), la differenziata aveva fatto registrare un modesto 27%.

Il primo febbraio, distribuiti i contenitori alle 6.137 utenze domestiche e agli 893 tra uffici, negozi, bar e ristoranti, è entrato in vigore il porta a porta.

E la percentuale della differenziata si è impennata, con numeri record: 71,9% in febbraio, 71,5% in marzo, 75,2% in aprile, 74,7% in maggio.

Non c’è stato il temuto calo dopo il primo mese, come spesso avviene. Anzi.

«Un ottimo segnale, del quale va dato merito agli abitanti, che stanno dimostrando un grande senso civico – rimarcano in municipio – Così i risultati vanno al di sopra delle più rosee previsioni.

Basti dire che nel 2015 si è raggiunto il 30,3% in media, nel 2014 il 30,7%. Il primato apparteneva al 2011, col 35,2%». Adesso, il raddoppio.

Salò sta insomma rispondendo al meglio all’introduzione del nuovo sistema.

I responsabili di Garda Uno e lo staff guidato dal geometra Angelo Del Miglio tengono d’occhio quotidianamente la situazione, e apportano i correttivi per ulteriori miglioramenti.

Da sabato 18 giugno, e fino al 24 settembre, nel centro storico è stato introdotto ad esempio un secondo passaggio della plastica (e un quinto per il vetro, limitatamente alle sole attività commerciali), oltre a un secondo per il vetro riguardante bar, ristoranti e alberghi delle Rive.

Ora si sta pensando a posizionare sul territorio 4-5 contenitori per l’olio esausto.

Nei giorni scorsi la commissione ecologia e ambiente, presieduta da Cesare Franchini, ha esaminato i dati forniti dall’assessore Federico Bana.

Alcuni hanno rilevato che la percentuale di differenziata aumenterebbe se nel centro si raccogliesse separatamente il secco dall’umido, come succede nelle altre zone.

Altri hanno richiesto l’apertura dell’isola anche la domenica mattina.

Curioso il fatto che nei primi cinque mesi 2016 sono state raccolte 2.420 tonnellate di rifiuti rispetto ai 3.011 dello stesso periodo 2015, con una riduzione del 20%: la conferma che, in passato, molti delle località vicine, passando in automobile, usavano i cassonetti di Salò.

oSE.ZA

Fonte: bresciaoggi.it

Data di pubblicazione: Sabato 02 Luglio 2016

Copertina: da news originale

caricamento...