Gardauno Spa

 


La Nostra Storia, sezione web dedicata a notizie antecedenti il 2015, data di pubblicazione del nuovo sito web gardauno.it.


 

Idrogeno dal sole, in tanti affiancano il consorzio Garda 1
L'idea, nata sul Benaco, riunisce comuni, Api, centri di formazione - Uno degli impieghi dell'idrogeno, quello dell'autotrazione.

Dietro al progetto "Idrogeno dal sole" (appoggiato da Unione Europea, ministero del Lavoro e Regione) c'è un'Associazione Temporanea di Scopo (Ats) comprendente rappresentanti dell'intera società bresciana: dall'industria agli enti pubblici, dal mondo della ricerca ai cittadini.

Produrre energia dall'idrogeno converrebbe a tutti, per questo la ricerca va ancora affinata e potenziata.

Capofila del progetto è la società pubblica di servizi Garda 1, interessata alla tutela dell'ambiente e alla produzione di energia in modo da rendere autonomo il bacino del Lago di Garda.

C'è poi l'Associazione Comuni Bresciani, interessata al progetto al fine di promuovere il risparmio energetico negli enti locali. L'Acb organizzerà parte dei corsi di formazione e gli eventi pubblici dimostrativi in diverse città bresciane.

Il mondo dell'industria è rappresentata dall'Api: Associazione di piccole medie imprese della provincia di Brescia. E' interessata al progetto sia per la fase di utilizzo dei risultati da applicarea nelle aziende, sia per la possiblità di un nuovo mercato di nicchia da sviluppare nel territorio bresciano.

C'è poi l'associazione Formazione Piamarta (centro di formazione professionale attivo in diversi settori dall'ambiente all'agricoltura, dalla meccanica all'oreficeria che è interessata al progetto per avvicinarsi ad un nuovo settore di insegnamento), il comune di Manerba del Garda (sensibile alle politiche di risparmio energetico e ambientali).

Ad occuparsi della parte scientifica del progetto è il Centro Ricerca per l'Ambiente e lo Sviluppo Sostenibile della Lombardia (Crasl ) dipartimento di matematica e fisica: Il Crasl è un centro di ricerca dell'Università Cattolica che opera nei settori dell'ambiente e dello sviluppo sostenibile.

Il progetto seguito da tre ricercatrici ( Maria Chiesa, Francesca Pozzi, Marialuisa Venuta) svilupperà l'intera parte scientifica sia per quanto riguarda l'analisi teorica sia per quanto riguarda il monitoraggi.

A coordinare i lavori c'è la società Green Energy e il Progetto Socrate.

p.gor.

Fonte: Brescia Oggi

Data di pubblicazione: Giovedì 1 Dicembre 2005

Immagine di copertina: da articolo originale - Uno degli impieghi dell'idrogeno, quello dell'autotrazione. Ecco un prototipo in fase di studio.

 

caricamento...